Parlando di cose serie

 

 

Ci sono volte che davvero mi interrogo sul senso della vita, su come gli eventi possano determinare delle convinzioni e sconvolgerne delle altre.

 

Io sono una di quelle capoccione che pensa sempre…che pensa troppo! DECISAMENTE TROPPO!

Eppure sono convinta di avere una mia linea di condotta sulla quale bene o male ho cercato di impostare la mia esistenza e quella dei miei figli.

Mi rendo conto oggi, sulla soglia dei 40 (quando in genere si tende a fare un bilancio) che molte delle mia convinzioni, molte delle cose su cui ho basato la mia vita sono errate. Quantomeno non sono importanti come pensavo. Questo non lo asserisco io, ma gli eventi della vita.

Devo dire che sono sempre stata contraria al matrimonio( anche se l’ho provato).. sono una che vede la vita e la religione a modo proprio,una che parla sempre in faccia e se non puo’ piuttosto tace. Una che crede ancora e nonostante tutto che i buoni sentimenti esistono davvero, anche se non mi lascio piu’ condizionare da loro.

C’è una cosa che mi ha sempre condizionato nelle scelte. Piu che una cosa è una linea di condotta che ha il nome di coerenza. Vi diro’ che ancora mi stupisco nel vedere che intorno a me la gente dica e smentisca sistematicamente di tutto e di piu’.

A me se qualcuno sta sulle scatole lo evito e spero che se le cosa è reciproca l’altro faccia lo stesso con me.


Invece poi accade che:

Nessuno giudica, ma poi tutti puntano il dito, nessuno spettegola, ma poi tutti sanno i fatti degli altri, nessuno vuole imporsi, ma sistematicamente gli altri sono dei deficenti senza spina dorsale.Si ascoltano conversazioni che  si commentano animatamente, di cui viene riportato solo quello che fa comodo….. semmai si cambia il vero senso delle parole altrui omettendo e modificando le proprie.

Non fraintendetemi, sono dell’idea che si possa cambiare opinone talvolta, cio’ non toglie che ci sia un limite oltre cui si diventa dei voltagabbana, falsi e meschini, per non dire altro.

Comunque non mi stupisce nemmeno questo ..ormai la superficialita’ la fa da padrona, non si apre un notiziario senza ascoltare l’ennesima bravata commessa da  ragazzini che non ne considerano  le conseguenze ….trovo tutto questo estremante brutto .

 Se dovessi fare un bilancio cosi su due piedi, direi che sono stata presa nei gorghi delle superficialita’ anche io. Ormai se mi relaziono con le persone sorrido fintamente e non ascolto nemmeno cio’ che hanno da dirmi ..so che sono menzogne che durano il tempo della breve chicchierata che si sta consumando. So che nel momento in cui mi voltero’ verra’ tutto stravolto e rigirato a mio discapito.

La cosa che piu’  mi scoccia e mi delude pero'( da questo nasce questo sfogo) è che se tutto cio’ ti viene da una persona che credevi amica…amica vera, la quale mette in piazza i fatti tuoi senza mezze misure e ci marcia  sopra alla grande, ti fermi a riflettere sul serio.

La cosa fa molto male e lascia un senso di delusione davvero profondo.

E’ il caso di dire che si è soli con se stessi.

…….ormai non ci sono piu’ appigli.

 

 

 

 

 

 

 

Parlando di cose serieultima modifica: 2013-05-25T21:59:00+02:00da munira2
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Parlando di cose serie

Lascia un commento